Artperformingfestival 2017. Galleria Principe di Napoli. Matrice nel senso di forma da cui si ricava qualcosa, ma anche nel significato di origine e creazione di qualcosa. L'attenzione è sul corpo, sulla pelle, sull'ombra e sulla possibilità di avere e creare una seconda pelle, su cui lasciare le proprie tracce e poterla, poi, abbandonare. Lo spazio è pensato a metà tra un'officina metallurgica che ricorda Efesto e una sartoria dai gesti antichi e pacati; nell'installazione è proposto anche il tema della 'lingua madre', fonte di vita o della non vita, attraverso due tele (160x1) 'Omertà e urlo antico' e 'Sono maturi i semi del discorso' (2016) che accompagnano la messa in scena. https://www.youtube.com/watch?v=0xo7e-7G_ls

 

ArtPerformingfestival 2017. Un lavoro di Maria Francesca Ocone. Performance di Giorgia Di Lorenzo. Galleria Nina palazzo Manso